Come controllare le attività di cantiere: i vantaggi del giornale dei lavori

controllo delle attività di cantiere con il giornale dei lavori
Ecco perché la compilazione del giornale dei lavori è importante per definire, registrare e verificare le attività necessarie nell'ambito di un appalto dei lavori pubblici.

Le attività di direzione lavori prevedono una serie di fasi di realizzazioni e verifiche che concorrono allo sviluppo e l’andamento regolare del cantiere.

Data la complessità delle lavorazioni e l’elevato numero di lavoratori e professionisti coinvolti sono definite, già a livello normativo, le responsabilità e le necessità da vagliare. Per questo, applicativi come il giornale dei lavori sono utili ad esaminare il dettaglio delle procedure e facilitare le lavorazioni.

La direzione lavori nel D.Lgs. 36/2023

Nel settore dell’edilizia il direttore dei lavori è una figura cruciale perché è la persona responsabile di garantire che un progetto si svolga in modo efficiente, sicuro e in linea con le specifiche stabilite. 

Le attività e i compiti che devono essere svolti sia in fase preliminare sia in ambito di esecuzione sono riportate all’interno dell’Allegato II.14 del D.Lgs. 36/2023. Tra i diversi punti definiti nel Codice dei contratti pubblici sono inoltre individuati tre fasi che si sviluppano in catena:

  1. fase preliminare, di conoscenza del progetto delle autorizzazioni e del capitolato speciale d’appalto;
  2. fase esecutiva, di controllo tecnico, amministrativo e contabile;
  3. chiusura dei lavori, dove viene analizzato lo stato finale dei lavori.

Nella fase preliminare sono inizializzate le prime attività di esecuzione del contratto a partire dalla verifica dello stato dei luoghi, presa in consegna dei lavori da parte dell’appaltatore e dei relativi processi che daranno luogo all’effettivo inizio dei lavori.

Si entra, poi, nel vivo dell’operatività con la fase esecutiva. Qui è importante presenziare il cantiere con regolarità. Si deve, infatti, controllare l’andamento dei lavori, verificare che i materiali e l’esecuzione dei corpi d’opera siano in linea con i requisiti previsti dal capitolato speciale d’appalto. Inoltre, in questa fase inizia la contabilità dei lavori, attività di competenza del direttore dei lavori. Egli, infatti, deve accertarsi che il tutto prosegua correttamente ed in maniera puntuale, eventualmente gestendo anche possibili variazioni e controversie.

L’ultima fase, la chiusura dei lavori, prevede la finalizzazione degli adempimenti, tra cui l’aggiornamento del piano di manutenzione dell’opera, la chiusura degli atti contabili e delle attività. Infine, se tutto è regolarizzato come auspicato, si emette il certificato di regolare esecuzione.

La compilazione dei documenti pubblici: rischi e sicurezza

Il rischio di commettere errori è correlato alla tipologia e alla complessità dei lavori. Infatti, la documentazione di cantiere può essere predisposta non solo dal direttore dei lavori ma anche, in caso di delega, da direttori operativi o dagli ispettori di cantiere. Essendo impiegati una pluralità di soggetti, il fattore di errore di rischio aumenta.

L’allegato II.14 del D.Lgs. 36/2026 prevede un alto livello di responsabilità, ma allo stesso tempo precisione e tempestività nella compilazione. Tali requisiti richiedono un’efficace azione di controllo. Inoltre, non sono solo da considerare i documenti contabili relativi al giornale dei lavori, libretti delle misure, stati di avanzamento, ma anche tutte le verbalizzazioni da queste richiamate. Nel giornale dei lavori, infatti, devono essere tracciate le disposizioni di servizio, le fatture dell’appaltatore e le misure predisposte dall’ufficio di direzione lavori.

L’utilizzo di supporti digitali e formati standard è di aiuto nella prevenzione degli errori di compilazione e registrazione. All’art. 12, infatti, sono specificate le modalità di produzione e condivisione dei documenti contabili. A tale scopo è opportuno utilizzare programmi di contabilità computerizzata (ad esempio software come Blumatica Pitagora che si occupa della gestione della contabilità e della definizione dei libretti di misura) e piattaforme interoperabili che garantiscono la leggibilità dei file in formato aperto, e quindi leggibile a prescindere dal software che l’ha generato.

Inoltre, grazie alle piattaforme interoperabili è possibile che su un progetto possano intervenire più soggetti, come nello specifico della direzione lavori dove tra gli attori coinvolti è necessario che sia garantita collaborazione.

Interoperabilità e vantaggi operativi della piattaforma giornale dei lavori

Piattaforme quali quella del giornale dei lavori permettono proprio questo tipo di compartecipazione. Il software è, infatti, condivisibile con i diversi soggetti di un appalto di lavori pubblici, ad esempio figure come il coordinatore della sicurezza in fase esecutiva, il direttore operativo, il RUP ed altri. 

Tra le diverse funzionalità, permette di registrare tutte le attività eseguite dai singoli utenti ad una certa ora e data. Annotazioni, dati inseriti e modalità con cui proseguono le lavorazioni, concorrono alla produzione della documentazione richiesta. È possibile, quindi, sia in versione desktop sia in versione mobile, effettuare registrazioni live ed, anche, relativamente a giorni precedenti, eventualmente mancanti.

In ogni caso, secondo il comma 4 dell’art.12 dell’Allegato II.14 del Codice dei Contratti Pubblici (D.Lgs. 36/2023) è previsto che tutte le registrazioni siano approvate e verificate dal direttore dei lavori

I compiti del direttore dei lavori sono numerosi, per cui uno strumento digitale che fornisce avvisi in riferimento a mancanze nelle lavorazioni o nei dettagli di progetto è utile nel coordinamento e definizione delle specifiche attività. 

Ogni progetto è quindi caratterizzato dalla presenza della work breakdown structure (WBS) che permette di scomporre in lavorazioni più semplici il flusso di lavoro. Essa può essere definita liberamente nel giornale dei lavori o può essere acquisita da altre applicazioni come Blumatica Pitagora e Kronoplan.

Inoltre, per le registrazioni del giornale dei lavori che devono essere effettuate quotidianamente è presente una leggenda che aiuta a verificare quali sono i giorni per i quali non si è provveduto a fare la registrazione, in modo da poter provvedere tempestivamente. 

Effettua gratis il tuo primo lavoro e scopri tutti gli altri vantaggi operativi della piattaforma Giornale dei lavori!

Cynthia Fiorillo


Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *