Dichiarazione di Successione: aggiornamento del Modello 2023

Dichiarazione di Successione aggiornato il modello 2023
Aggiornato il modello di dichiarazione di successione e domanda di volture catastali. Ecco cosa è cambiato.

 

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n. 275086 del 25 luglio 2023, aggiorna il modello di dichiarazione di successione e le relative istruzioni per la trasmissione. Sono state inserite anche specifiche tecniche e funzionalità relative a specifiche fattispecie.

 

Cosa comprendono le modifiche al modello di dichiarazione di successione e domanda di volture catastali?

L’adeguazione del modello di dichiarazione di successione si è resa necessaria per tenere conto delle modifiche normative sul regime fiscale. Sono stati definiti, inoltre, i chiarimenti relativi al trattamento del legato di genere, stabiliti nella circolare 19/E del 6 luglio 2023.

La specifica riguarda:

  • trattamento fiscale del legato di genere;
  • imposta sulle successioni e donazioni.

A livello di giurisprudenza civilistica, sono presenti differenze tra il legato di genere ed il legato di specie. Pertanto, in caso di disposizione mortis causa concernente il legato di genere, l’erede risulta responsabile per il pagamento dell’imposta di successione di un ammontare che si riferisce sia agli eredi sia ai legatari, dovendo, infatti, gli eredi rispondere anche per quanto dovuto ai legatari. L’erede subirà, così, un decremento patrimoniale corrispondente al legato stesso.

Sul piano fiscale, il legato di genere, poiché distinto dalle passibilità deducibili, è escluso dal valore dell’eredità o dalle quote ereditarie.

 

Modello di dichiarazione di successione 2023: ecco cosa fare

Entro 12 mesi dalla data di apertura della successione, che, in linea generale, corrisponde alla data di decesso del contribuente, eredi, chiamati all’eredità, o legatari, dovranno presentare la dichiarazione di successione.

La trasmissione può essere inviata tramite:

  • servizi telematici;
  • un intermediario abilitato (professionisti o CAF);
  • ufficio competente dell’Agenzia delle Entrate.

La dichiarazione di successione e domanda di volture catastali, invece, deve essere presentata esclusivamente online, tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate. L’accesso all’utenza si può ottenere mediante Spid, Carta di identità elettronica (Cie) o Carta nazionale dei servizi (Cns).

Per residenti all’estero, se impossibilitati alla trasmissione telematica, è possibile, in via eccezionale, presentare il modello cartaceo conforme.

L’Agenzia delle Entrate, a questo punto, invierà, telematicamente, la ricevuta che attesta la presentazione della dichiarazione.

Qualora, inoltre, si avesse la necessità del rilascio di copie conformi della dichiarazione, ci si dovrà recare in un ufficio dell’Agenzia delle Entrate, provvisti di marca da bollo o altri contrassegni telematici.

 

Da quando sarà necessario utilizzare il nuovo modello?

Il nuovo modello di dichiarazione di successione e domanda di volture catastali è già in operatività. Infatti, può essere utilizzato sin dal 26 luglio 2023, ovvero dalla data di pubblicazione del provvedimento direttoriale.

Fino al 26 ottobre 2023 vi è un periodo di transizione in cui contribuenti e operatori potranno ancora trasmettere la dichiarazione di successione utilizzando la precedente versione della modulistica. Tutte le novità, quindi, saranno operative a pieno regime partire da tale data.

 

Scopri il software Blumatica SuccessOne per la gestione, semplice ed intuitiva, di successioni e volture con la disponibilità di validazione, trasmissione e ricezione delle procedure di dichiarazione!

Cynthia Fiorillo


Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *