Ingenio al femminile: la quarta edizione che premia le migliori tesi delle laureate in ingegneria

ingenio-al-femminile
Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri premia le migliori tesi delle laureate in ingegneria.

Il CNI annuncia la quarta edizione del riconoscimento Ingenio al femminile che premia le laureate in ingegneria per il miglior progetto di tesi. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con Cesop HR Consulting Company ha l’obiettivo di contribuire alla riduzione della disparità di genere, soprattutto nel mondo dell’ingegneria e delle discipline STEM (Science, Technology, Engineering, and Mathematics).

Questo riconoscimento si propone come incentivo per le giovani laureate in ingegneria per cercare di sovvertire il divario uomo-donna che ad oggi è ancora marcato. Secondo i dati raccolti dall’ISTAT, nel 2022 in Italia, il 23,8% dei giovani di età compresa tra i 24 e 35 anni aveva una laurea nell’area STEM. I dati, però, mostrano una disparità per cui sul campione, la percentuale di uomini sale al 34,5%, mentre scende al 16,6% per le donne. 

La sottorappresentazione delle donne in queste discipline è, così, evidente fin dall’ambito accademico. È essenziale pertanto contrastare le disparità di genere e gli stereotipi sia nell’istruzione che nel mondo del lavoro, con l’istituzione di riconoscimenti come il “premio tesi di laurea” per le donne che hanno scelto di laurearsi in ingegneria e portare avanti una carriera in tale ambito.

I premi della quarta edizione di Ingenio al Femminile

L’edizione 2024 di Ingenio al Femminile si focalizzerà sul “Nuovo Paradigma 5.0 e il Ruolo Strategico dell’Ingegneria“. Cinque premi da €1.500 ciascuno saranno assegnati alle seguenti categorie:

  • Tesi di dottorato (solo per candidate già iscritte all’Albo);
  • Tesi in Ingegneria civile-ambientale;
  • Tesi in Ingegneria industriale;
  • Tesi in Ingegneria dell’informazione;
  • Tesi in Ingegneria biomedica (premio speciale dedicato alla memoria di Giulia Cecchettin).

Potranno essere prese in considerazione solo le tesi discusse in uno specifico lasso temporale, specificato nel bando di questa quarta edizione, indipendentemente dall’anno accademico cui fanno riferimento.

I lavori presentati devono essere coerenti con il tema selezionato. Ogni candidata dovrà, infatti, illustrare il legame tra il progetto di tesi e l’oggetto del bando in una lettera di motivazione, e anche in un video di presentazione. Questa fase rappresenta una parte fondamentale da cui dipende parte della valutazione dei lavori presentati.


Resta aggiornato sulle ultime novità sull’ingegneria e l’edilizia, seguici sui nostri principali account social: Instagram e Facebook

Cynthia Fiorillo


Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *