Chi sono gli intermediari abilitati alla trasmissione della Dichiarazione di Successione Telematica?

Vediamo i requisiti richiesti
Giulio BottaGiulio Botta29 Maggio 201910min9213
succ-abilitti-1280x667.jpg
Vediamo i requisiti richiesti
  • FAQ
  • Successioni e volture
  • Chi sono gli intermediari abilitati alla trasmissione della Dichiarazione di Successione Telematica?
< Torna

I rappresentanti legali o negoziali di società di servizi di assistenza fiscale o amministrazioni pubbliche.

Spesso s’incorre in un’interpretazione errata del modulo di richiesta di abilitazione al servizio telematico entratel “utilizzabile dai soggetti di cui all’art. 3 commi 2, 2-bis e 3 del DPR 322/1998” che prevede i soggetti con i seguenti requisiti:

  • Iscritto nell’albo dei dottori commercialisti ed esperti contabili sez. A
  • Iscritto nell’albo dei dottori commercialisti ed esperti contabili sez. B
  • Iscritto nell’albo dei consulenti del lavoro
  • Iscritto negli albi degli avvocati
  • Iscritto nel registro dei revisori legali dei conti di cui al Decreto legislativo del 27 gennaio 2010, n. 39
  • Iscritto negli albi dei dottori agronomi e dei dottori forestali, degli agrotecnici e dei periti agrari
  • Iscritto nei ruoli alla data del 30 settembre 1993 nei ruoli di periti ed esperti tenuti dalle camere di commercio, industria artigianato e agricoltura per la subcategoria tributi, in possesso di diploma di laurea in giurisprudenza o in economia e commercio o equipollenti o di diploma di ragioneria
  • Soggetto che esercita abitualmente l’attività di consulenza fiscale, NON iscritto negli elenchi di cui al D.M. 18 novembre 1996, n. 631
  • Soggetto che esercita abitualmente l’attività di consulenza fiscale, in possesso della tessera di difensore abilitato all’assistenza tecnica dinanzi alle commissioni Tributarie
  • Contribuente tenuto a presentare la dichiarazione di sostituto di imposta in relazione ad un numero di soggetti superiore a 20
  • Notaio iscritto nel ruolo indicato nell’articolo 24 della legge 16 febbraio 1913, n. 89
  • Contribuente obbligato alla registrazione dei contratti di locazione e di affitto di beni immobili, ai sensi dell’articolo 10 del testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro approvato con decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n.131, che delega per la registrazione telematica di detti contratti un soggetto avente adeguata capacità tecnica, economica e organizzativa
  • Soggetto delegato alla trasmissione dei dati dei contratti di locazione e di affitto di beni immobili per la registrazione telematica
  • Agente di mediazione immobiliare iscritto nei ruoli dei mediatori tenuti dalle Camere di Commercio, Industria, Agricoltura ed Artigianato
  • Agente che svolge, per conto dei propri clienti, attività di disbrigo pratiche amministrative presso amministrazioni ed enti pubblici, purché titolare di apposita licenza rilasciata ai sensi dell’articolo 115 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza approvato con regio decreto 18 giugno 1931, n. 773
  • Iscritto all’albo degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, con il titolo di architetto o architetto iunior
  • Iscritto all’albo degli ingegneri
  • Iscritto all’albo dei geometri e geometri laureati
  • Iscritto all’albo dei periti industriali e dei periti industriali laureati, in possesso di specializzazione in edilizia
  • Intermediario finanziario di cui all’art. 1, comma 1 del Decreto 20 settembre 1997, tenuto all’obbligo delle comunicazioni di cui alla legge 29 dicembre1962, n. 1745
  • Soggetto avente adeguata capacità tecnica, economica, finanziaria e organizzativa, formalmente delegati da contribuenti italiani a trasmettere le richieste di rimborso di questi ultimi per l’IVA assolta in altro Stato membro UE (art. 38-bis1 del DPR n. 633/1972)

… e le associazioni o società tra professionisti diversi da “persone fisiche”:

  • Società partecipata esclusivamente dal Consiglio Nazionale e/o dall’Ordine e/o dai Collegi dei dottori commercialisti nonché da iscritti al medesimo albo e/o dalla corrispondente cassa nazionale
  • Società partecipata esclusivamente dal Consiglio Nazionale e/o dall’Ordine e/o dai Collegi dei consulenti del lavoro nonché da iscritti al medesimo albo e/o dalla corrispondente cassa nazionale
  • Associazioni o società semplici costituite fra persone fisiche per l’esercizio in forma associata di arti e professioni in cui almeno
  • la metà degli associati o dei soci è costituita da soggetti indicati all’art. 3, comma 3, lettere a) e b) del DPR 322/98
  • Società commerciali di servizi contabili le cui azioni o quote sono possedute per più della metà del capitale sociale da soggetti indicati nell’art. 3, comma 3, lettere a) e b) del DPR. 322/98
  • Società tra professionisti iscritta nella sezione speciale dell’albo dei dottori commercialisti ed esperti contabili
  • Società tra professionisti iscritta nella sezione speciale dell’albo dei consulenti del lavoro
  • Società partecipata esclusivamente dalle associazioni rappresentative dei soggetti indicati all’art. 3, comma 3, lettera b), del DPR 322/98 e dai rispettivi associati
  • Società di servizi le cui azioni o quote sono possedute per più della metà del capitale sociale da associazioni sindacali tra imprenditori di cui all’art. 32, comma 1 lettere a), b) e c) del dlgs 241/97 (articolo 2, lettera a) del D.D. 18 febbraio 1999)
  • Società di servizi partecipate nella misura del cento per cento, da società di servizi partecipate per più della metà dalle associazioni sindacali di categoria tra imprenditori di cui all’art. 32, comma 1 lettere a), b) e c) del D.lgs 241/97 (articolo 2, lettera a) del D.D. 18 febbraio 1999 – partecipazioni indirette)
  • Società cooperative e società consortili cooperative i cui aderenti siano, per più della metà, soci delle associazioni sindacali di categoria tra imprenditori di cui all’art. 32, comma 1 lettere a), b) e c) del D.lgs 241/97 (articolo 2, lettera a) del DD 18 febbraio 1999)
  • Consorzi e società consortili di cui, rispettivamente, agli articoli 2602 e 2615-ter del codice civile, i cui aderenti siano, in misura superiore alla metà, associazioni sindacali di categoria tra imprenditori di cui all’art. 32, comma 1, lettere a), b), e c) del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241 e/o soci delle predette associazioni (articolo 2, lettera b) del DD 18 febbraio 1999)
  • Associazioni di cui all’articolo 36 del codice civile costituite fra associazioni sindacali di categoria tra imprenditori in cui almeno la metà degli associati è in possesso dei requisiti di cui all’articolo 32, comma 1, lettere a), b), e c) del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e quelle aderenti alle associazioni di cui alla lettera c) del menzionato articolo 32, comma 1, dello stesso decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241 (articolo 2, lettera c) del DD 18 febbraio 1998)
  • Associazione di soggetti appartenenti a minoranza etnico-linguistica
  • Soggetto che esercita abitualmente l’attività di consulenza fiscale (tali soggetti devono necessariamente essere in possesso di partita IVA a meno di esenzioni previste esplicitamente da provvedimenti normativi, che devono essere riportati nelle “annotazioni”)
  • Soggetto erogante il servizio di tesoreria per gli enti pubblici di cui alla tabella A allegata alla legge n. 720/84
  • Società o ente che trasmette dichiarazioni di soggetti del gruppo di appartenenza (art. 43-ter, quarto comma, D.P.R. 29 settembre 1973, n.602) cui partecipa almeno una società o ente tenuto a presentare la dichiarazione dei sostituti d’imposta
  • Soggetto tenuto a presentare la dichiarazione di sostituto di imposta in relazione ad un numero di soggetti superiore a 20
  • Soggetto obbligato alla registrazione dei contratti di locazione e di affitto di beni immobili, ai sensi dell’articolo 10 del testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro approvato con decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n.131, che delega per la registrazione telematica di detti contratti un soggetto avente adeguata capacità tecnica, economica e organizzativa

Tale elenco però si riferisce alla mera abilitazione del servizio telematico Entratel e non specificatamente all’abilitazione della trasmissione telematica della dichiarazione di successione, il cui riferimento rimane esclusivamente il comma 3 art. 3 del DPR 322/1998, ossia i soggetti così  inquadrati equiparati.

Approfondisci la tematica qui





Vuoi essere aggiornato su questo argomento e su tutte le novità in materia di edilizia e sicurezza?
Iscriviti GRATIS alla Newsletter

Giulio Botta

Giulio Botta

R&S Area Progettazione