Edificio non residenziale con pessime prestazioni di involucro e impianto classificato in classe energetica B

nonr-1280x667.jpg
Perché un edificio non residenziale, pur avendo pessime prestazioni di involucro e impianto, risulta essere classificato in classe energetica B? La motivazione risiede nella definizione dell’edificio di riferimento riportata nei D.M. del 26/06/2016.

Perché un edificio non residenziale, pur avendo pessime prestazioni di involucro e impianto, risulta essere classificato in classe energetica B?

La motivazione risiede nella definizione dell’edificio di riferimento riportata nei D.M. del 26/06/2016.

Ricordiamo che la scala delle classi energetiche è definita a partire dal valore dell’indice di prestazione energetica globale non rinnovabile dell’edificio di riferimento (EPgl,nren,rif,standard(2019/2021)), calcolato secondo quanto previsto dall’Allegato 1, capitolo 3 del decreto Requisiti Minimi, ipotizzando che in esso siano installati elementi edilizi dotati dei requisiti minimi di legge vigenti per gli anni 2019/2021 ed impianti standard.

 

1.1 – Parametri relativi al fabbricato dell’edificio di riferimento

U2019/2021 (W/m2K)

Zona climatica

A e B

C

D

E

F

Opachi verticali verso esterno, ambienti non climatizzati o contro terra

0,43
0,34
0,29
0,26
0,24

Opachi orizzontali o inclinati di copertura, verso esterno e ambienti non climatizzati

0,35
0,33
0,26
0,22
0,20

Opachi orizzontali di pavimento verso esterno, ambienti non climatizzati o contro terra

0,44
0,38
0,29
0,26
0,24

Chiusure tecniche trasparenti, opache e cassonetti, verso esterno e verso ambienti non climatizzati

3,00
2,20
1,80
1,40
1,10

 

Tabella 1 – Tecnologie standard dell’edificio di riferimento


Climatizzazione invernale
Generatore a combustibile gassoso (gas naturale) nel rispetto dei cui alla tabella 8 dell’Appendice A all’Allegato 1 del D.M. requisiti minimi (ηgn = 0,95) e con relativa efficienza dei sottosistemi di utilizzazione di cui alla tabella 7 della stessa Appendice.

Climatizzazione estiva
Macchina frigorifera a compressione di vapore a motore elettrico nel rispetto dei requisiti di cui alla tabella 8 dell’Appendice A all’Allegato 1 del D.M. requisiti minimi (ηgn = 2,50) e con relativa efficienza dei sottosistemi di utilizzazione di cui alla tabella 7 della stessa Appendice.

Ventilazione
Ventilazione meccanica a semplice flusso per estrazione nel rispetto dei requisiti di cui alla tabella 9 dell’Appendice A all’Allegato 1 del D.M. requisiti minimi (Eve = 0,25 Wh/m3)

Acqua calda sanitaria
Generatore a combustibile gassoso (gas naturale) nel rispetto dei requisiti di cui alla tabella 8 dell’Appendice A all’Allegato 1 del D.M. requisiti minimi (ηgn = 0,85) e con relativa efficienza dei sottosistemi di utilizzazione di cui alla tabella 7 della stessa Appendice.

Illuminazione
Rispetto dei requisiti di cui al paragrafo 1.2.2 dell’Appendice A all’Allegato 1 del D.M. requisiti minimi: “Per l’edificio di riferimento si considerano gli stessi parametri (occupazione, sfruttamento della luce naturale) dell’edificio reale e sistemi automatici di regolazione di classe B (UNI EN 15232).”

Trasporto persone o cose
Rispetto dei requisiti al D.M. requisiti minimi. Per l’edificio di riferimento si considerano gli stessi parametri.

 

 

Esaminando i parametri che caratterizzano l’edificio di riferimento, risulta evidente che per i servizi di climatizzazione invernale, estiva, produzione di acqua calda sanitaria e ventilazione, ci può essere una netta differenza tra l’edificio di riferimento e quello reale oggetto di valutazione, con conseguente ripercussione sulla classe energetica.
Pertanto, certificando solo in base a tali servizi un edificio con componenti di scarsa efficienza energetica e in cui sono installati impianti con rendimenti inferiori ai valori riportati nella tabella precedente, la classe energetica sarà sicuramente molto scadente (ad esempio G).

Per i servizi di illuminazione e trasporto, invece, il decreto stabilisce che l’edificio di riferimento abbia le medesime caratteristiche dell’edificio reale (per l’illuminazione, ad esempio, la stessa potenza installata, occupazione, sfruttamento della luce naturale, ecc.).
L’unica differenza tra i due edifici, infatti, è solo nella tipologia dei sistemi automatici di regolazione (classe B). Tale fattore, però, incide relativamente poco sulla prestazione energetica globale dell’edificio facendo sì che, per tale servizio energetico, l’edificio reale sia quasi paragonabile in termini di prestazioni con quello di riferimento.

Risulta quindi evidente che, all’aumentare del fabbisogno di energia per il servizio di illuminazione (ovvero della potenza installata dei diversi apparecchi di illuminamento), gli altri servizi energetici (riscaldamento, raffrescamento, ACS, ventilazione) pesino sempre meno sul fabbisogno totale dell’edificio. Pertanto, anche se aumenta il fabbisogno totale dell’edificio reale, quest’ultimo diventa sempre più simile a quello dell’edificio di riferimento e, di conseguenza, la classe energetica si avvicina sempre più alla classe A1! Ovviamente, il miglioramento della classe energetica (da G ad A1) ha un andamento asintotico rispetto alla fascia A1 (che rappresenta proprio la prestazione dell’edificio di riferimento), alla quale non arriverà mai in virtù delle differenze tra i due edifici sugli altri servizi energetici (es. trasmittanze, generatori, ecc.).

Blumatica Energy ti consente di redigere in un’unica soluzione tutta la documentazione necessaria in materia di efficienza energetica (APE, AQE, Legge 10, Relazione tecnica, Analisi interventi migliorativi, Annunci commerciali, Verifiche termoigrometriche, ecc.) e, soprattutto, di essere continuamente aggiornato e formato sulla problematica.
Grazie alla tecnologia SAAT (Software As A Teacher), l’esclusiva ed innovativa tecnologia Blumatica che ti consente di apprendere la tematica (tecnica e normativa) man mano che utilizzi il software, sei sempre preparato su come affrontare correttamente le diverse problematiche.

Ulteriori dettagli http://www.blumatica.it/software/certificazione-energetica/software-certificazione-energetica-degli-edifici-ape-ed-aqe/





Vuoi essere aggiornato su questo argomento e su tutte le novità in materia di edilizia e sicurezza?
Iscriviti GRATIS alla Newsletter

Luca Cocozza

Luca Cocozza

Responsabile tecnico presso Blumatica S.r.l.


  • Luigi Perri

    4 giugno 2018 at 1:41 pm

    un immobile agibile (C1 locale commerciale in un Centro Commerciale mai completato) ceduto nel 2010 senza certificato energetico viene rivenduto alla data odierna senza i requisiti di agibilità anzi oggetto di vandalizzazione e oggetto di aspoerto di vetrine e porte,, impianto autonomo di climatizzazione, controsoffittatura, impianto elettrico e idrico puoò essere considerato inclassificabile? se si, come?

    Commenta

    • Ufficio Stampa Blumatica

      4 giugno 2018 at 2:52 pm

      Salve,

      la sua situazione potrebbe rientrare tra i casi di esclusione previsti dal DM. 26/06/2015

      In base a quanto previsto all’Allegato A del Decreto 26/06/2015 “Linee Guida” dedicato ai “Casi di esclusione dall’obbligo dotazione dell’APE“, in particolare alla lettera g) l’APE non è dovuto:

      g) i fabbricati in costruzione per i quali non si disponga dell’abitabilità o dell’agibilità al momento della compravendita, purché tale stato venga espressamente dichiarato nell’atto notarile. In particolare si fa riferimento:
      – agli immobili venduti nello stato di “scheletro strutturale”, cioè privi di tutte le pareti verticali esterne o di elementi dell’involucro edilizio;
      – agli immobili venduti “al rustico”, cioè privi delle rifiniture e degli impianti tecnologici.”

      Tuttavia, se le dovesse essere richiesto obbligatoriamente l’APE, esso potrebbe essere basato sui componenti attualmente messi in opera. Infatti, non è possibile effettuare il calcolo energetico di un volume NON chiuso.

      Commenta

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *