Progettazione BIM: estensione delle certificazioni a geometri e periti

Maria Grazia SavoiaMaria Grazia Savoia4 Aprile 20195min6430
bim-laurea-4-1280x667.jpg
Novità sui i requisiti minimi utili ad accedere alla certificazione e all’accreditamento BIM Specialist, BIM Coordinator, BIM Manager e CDE Manager

BIM Specialist, BIM Coordinator, BIM Manager e CDE Manager 

Sul sito del CNGeGL si legge che “E’ stata sospesa dall’Ente Italiano di Accreditamento la Circolare informativa n. 8 del 15 marzo 2019 . Una normazione tecnica che in materia di BIM (Building Information Modeling) voleva colmare un vuoto per le professioni non organizzate (Legge n. 4 del 2013), dedicando l’articolo 6 all’autoregolamentazione volontaria e alla qualificazione dell’attività dei soggetti che esercitano le professioni non regolamentate. A determinare la decisione di Accredia, le reazioni del mondo istituzionale, universitario e delle categorie professionali che si sono levate altissime dopo la pubblicazione del documento.”

Tra i requisiti minimi per accedere alla certificazione e all’accreditamento per diventare BIM Specialist, BIM Coordinator, BIM Manager e CDE Manager vi era il possesso di una “Laurea magistrale o quinquennale di laurea specialistica conseguita secondo gli ordinamenti didattici vigenti al momento ed iscrizione ai relativi albi professionali”.

Tale requisito non ha trovato il consenso di molte categorie professionali.

In ragione di ciò, ACCREDIA ha sospeso l’applicazione della circolare ritenendo opportuno che il punto in questioneParte 7: Requisiti di conoscenza, abilità e competenza delle figure professionali coinvolte nella gestione e nella modellazione informativa della norma UNI 11337-7:2018 “Edilizia e opere di ingegneria civile – Gestione digitale dei processi informativi delle costruzioni”  venga ridiscusso tra le parti interessate.

 

Una decisione molto apprezzata dal Presidente dei Geometri, Maurizio Savoncelli: “Quando si commette un errore, tornare sui propri passi denota sempre una scelta positiva. Per la nostra Categoria è necessario prendere in considerazione due elementi: circa il primo, è che le attività di progettazione, riservate dalla legge ad alcune categorie professionali, vanno tenute nettamente distinte dalla modellazione BIM, per le quali è prevista la nuova certificazione. Il secondo aspetto, invece, riguarda proprio la certificazione: è evidente che questa non può escludere i soggetti non laureati. Se così fosse, si attuerebbe una distorsione del mercato assolutamente incomprensibile”.

 

Blumatica Porte Aperte

Per un approfondimento in materia BIM non perdere l’opportunità di partecipare a

Blumatica Porte Aperte

10-11 maggio 2019 presso la sede Blumatica

Il valore del BIM!
Il ciclo di vita dell’edificio
dal progetto all’impiego e conservazione della costruzione


Conosci gli strumenti realmente operativi per il BIM?

I tuoi software sono già adeguati ai nuovi standard?

Sai come il BIM potrebbe r-innovare la tua professione?

   

Se cerchi risposta a questa ed altre domande partecipa a Blumatica Porte Aperte,
l’occasione Blumatica per formarti e confrontarti con l’obiettivo di diffondere la cultura e l’innovazione del Building Information Modeling, puntando sull’efficacia dell’interoperabilità tra le figure coinvolte nel processo digitale delle costruzioni.

Accedendo a questa pagina web potrai invece provare gratuitamente per 30 giorni i software Blumatica BIM ArchIT e Blumatica BIM RendeRT.





Vuoi essere aggiornato su questo argomento e su tutte le novità in materia di edilizia e sicurezza?
Iscriviti GRATIS alla Newsletter

Maria Grazia Savoia

Maria Grazia Savoia


Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *