Rifiuti edili: definizioni, responsabilità e obblighi documentali

Rifiuti_edili-1280x667.jpg
Classificazione dei rifiuti edili, ciclo di vita, formulario, registro di carico/scarico, stima certificata e contratto di appalto

Adempimenti dell’impresa, del progettista e del Direttore dei Lavori

 

L’attività edile comprende un vasto numero di lavorazioni che si diversificano tra loro per mezzi, materiali e tecniche utilizzate, generando una varietà considerevole di rifiuti per tipologia e caratteristiche chimico fisiche.  Poiché esistono degli obblighi precisi a carico del produttore di rifiuto, del progettista e del Direttore dei Lavori, è necessario conoscere la definizione di rifiuto, la classificazione e il ciclo di vita, dalla produzione alla destinazione finale.

Di seguito si propongono le risposte ai quesiti più frequenti.

Cos’è un rifiuto?

La normativa nazionale è rappresentata dal D. Lgs. 152/2006 s.m.i. che alla parte IV titolo I disciplina i rifiuti. Il rifiuto è «qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia obbligo di disfarsi» (Art. 183).

La circolare del Ministero dell’Ambiente n. 3402 del 28/06/1999, ripresa dalla Legge n. 178/2002, ha precisato i seguenti termini:

  1. “si disfi”: qualsiasi comportamento atto ad avviare un materiale o una sostanza ad attività di smaltimento o di recupero;
  2. “abbia deciso”: volontà di destinare ad operazioni di smaltimento e di recupero;
  3. “abbia obbligo di disfarsi”: l’obbligo di avviare un materiale, una sostanza o un bene ad operazione di recupero o di smaltimento, stabilito da una disposizione di legge o da un provvedimento della pubblica autorità o imposto dalla natura stessa del materiale, della sostanza e del bene (es. olio usato, batterie esauste, ecc).

Come vengono classificati i rifiuti edili?

 

I rifiuti vengono innanzitutto classificati per origine. I rifiuti urbani sono quelli che provengono dalle attività domestiche o rifiuti che, per caratteristiche e qualità, sono assimilabili ai rifiuti domestici. I rifiuti speciali, invece, sono quelli che provengono dalle attività produttive.

In particolare l’articolo 184 comma 3 lettera b) si riferisce in modo esplicito ai rifiuti derivanti dalle attività di demolizione e costruzione nonché i rifiuti che derivano dalle attività di scavo.

A valle della classifica per origine c’è la classifica in base alla pericolosità. E’ pericoloso il rifiuto che presenta una o più caratteristiche di cui all’allegato I della parte quarta del D.Lgs. 152/2006 s.m.i..

Per chiarire la definizione di pericolosità ci viene in aiuto il catalogo CER che contiene un elenco armonizzato dei rifiuti. Ogni rifiuto è definito mediante il codice a 6 cifre, costituito da 3 coppie di numeri: la prima identifica la categoria o attività che genera i rifiuti, la seconda il processo produttivo e la terza il singolo rifiuto.

I rifiuti da costruzione e demolizione, in particolare, sono contenuti nel capitolo 17.

Se un rifiuto è indicato con «*», esso è pericolo «assoluto» senza alcuna specificazione.

In alcuni casi il rifiuto è classificato con un codice CER speculare (le cosiddette voci a specchio): il codice si ripete due volte ma solo una volta è seguito da asterisco. In tal caso, il rifiuto è pericoloso solo se le concentrazioni (% rispetto al peso) sono tali da conferire ad esso una o più delle 14 caratteristiche di pericolo di cui all’allegato I D. Lgs. 152/06 e s.m.i..

Chi è il produttore di rifiuto in cantiere?

Fa fede il contratto d’appalto.

Se il contratto prevede che l’appaltatore operi in piena autonomia decisionale/gestionale, l’appaltatore è identificato come produttore dei rifiuti e il committente non ha obblighi di garanzia.

Se il contratto non prevede l’operato in piena autonomia o riguarda attività di rimozione/smantellamento di oggetti dismessi, già definibili rifiuti nel momento in cui inizia l’attività, il produttore è il committente. L’appaltatore, dunque, ha la responsabilità limitata solo alle operazioni di raccolta ed eventuale trasporto dei rifiuti prodotti dal committente.

Se, infine, il committente non è identificabile come produttore e i lavori sono affidati mediante un subappalto, è corretta prassi identificare il subappaltatore quale produttore di rifiuti e l’appaltatore ha gli obblighi di vigilanza.

Qual è il ciclo di vita dei rifiuti edili?

I rifiuti vengono prodotti nelle attività di cantiere, affidati a un soggetto che si occupa del trasporto e inviati a riutilizzo, recupero o smaltimento.

Per quanto concerne la produzione, la demolizione selettiva (ancora poco utilizzata in Italia), aumenta la possibilità di riciclo e riutilizzo dei materiali.

La demolizione selettiva si struttura mediante un processo complesso articolato in più fasi distinte le quali partono dal livello superiore dell’edificio per arrivare alle fondamenta.

La sequenza delle operazioni è così configurata:

  • rimozione di parti mobili esternecome le impermeabilizzazioni e le coperture e di tutti i materiali pericolosi;
  • rimozione di impianti tecniciquali impianti elettrici, di riscaldamento e delle installazioni sanitarie;
  • rimozione di serramentiesterni ed interni;
  • rimozione della pavimentazione e delle tramezzature;
  • demolizioni di parti strutturaliin cemento armato e relativo stoccaggio in contenitori separati.

Lo scopo è quello di separare gli elementi riusabili da utilizzare in cantiere o fuori dal cantiere e le varie frazioni di rifiuto: legno; ferro; vetro; metalli; plastica; materiali di natura lapidea.

Anche se i costi della manodopera sono maggiori, ci sono importanti vantaggi: la riduzione dei costi di trasporto perché ogni cassone di materiale può essere condotto direttamente al luogo di smaltimento; la possibilità di avere a disposizione materiali omogenei privi di impurità, quindi di maggior qualità.

Il trasporto del rifiuto può essere effettuato in conto proprio oppure in conto di terzi solo da soggetti iscritti all’Albo Nazionale Gestori Ambientali, ente incaricato dell’iscrizione, selezione, qualificazione e controllo delle imprese operanti nel settore della gestione dei rifiuti (Art. 212 D.Lgs. 152/2006 s.m.i.).

Il trasporto dei rifiuti NON PERICOLOSI può essere effettuato:

  • direttamente dal soggetto produttore purché con mezzi propri e previa iscrizione alla sezione c/proprio dell’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali;
  • da impresa specializzata iscritta alla categoria 4 dell’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali;

Il trasporto dei rifiuti PERICOLOSI può essere effettuato:

  • direttamente dal soggetto produttore, fino a 30 kg o 30 litri/giorno purché con mezzi propri e previa iscrizione alla sezione c/proprio dell’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali e adesione obbligatoria al SISTRI;
  • da impresa specializzata iscritta alla categoria 5 dell’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali.

In generale, il produttore o il detentore di rifiuti speciali, qualora non provveda all’autosmaltimento o al conferimento dei rifiuti ai soggetti che gestiscono il pubblico servizio, ha l’obbligo di verificare che si tratti di soggetti autorizzati alle attività di recupero o smaltimento.

Ove, invece, tale doverosa verifica manchi, il produttore risponde a titolo di concorso con il soggetto qualificato, nella commissione del reato di illecita gestione di rifiuti. Tale assunto trova innanzitutto conferma nell’articolo 188, comma 1, del T.U. Ambientale che espressamente enuncia il principio della responsabilità condivisa da tutti gli operatori coinvolti nella gestione dei rifiuti.

Durante il trasporto, effettuato da Enti o Imprese, i rifiuti devono essere accompagnati da un formulario di identificazione dal quale devono risultare i seguenti dati:

  • soggetti attivi del trasporto (produttore del rifiuto, trasportatore e destinatario);
  • rifiuto oggetto del trasporto (codice CER, quantità, caratteristiche di pericolo, ecc.);
  • data e percorso dell’instradamento.

Il formulario di identificazione deve essere redatto in quattro esemplari, compilato, datato e firmato dal produttore o dal detentore dei rifiuti e controfirmato dal trasportatore. Una copia del formulario deve rimanere presso il produttore o il detentore e le altre tre, controfirmate e datate dal destinatario, sono acquisite una dal destinatario e due dal trasportatore che provvede a trasmetterne una al detentore. Le copie del formulario devono essere conservate per 5 anni.

L’imprenditore edile, quale produttore dei rifiuti da costruzione e demolizione, è un soggetto giuridico tenuto alla compilazione dei formulari.

La sua responsabilità, ai sensi dell’art. 188, comma 3, del D. Lgs. n. 152/2006, per il corretto recupero o smaltimento è esclusa:

  • in caso di conferimento dei rifiuti al servizio pubblico di raccolta;
  • in caso di conferimento dei rifiuti a soggetti autorizzati alle attività di recupero o di smaltimento, a condizione che il detentore abbia ricevuto il formulario, controfirmato e datato in arrivo dal destinatario entro tre mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore, ovvero alla scadenza del predetto termine abbia provveduto a dare comunicazione alla provincia della mancata ricezione del formulario.

I registri di carico e scarico dei rifiuti sono dei registri nei quali viene annotata tutta la vita dei rifiuti, dalla loro nascita (quindi dalla produzione) fino alla destinazione finale (cioè lo smaltimento o recupero), incluse le eventuali soste intermedie nei siti di stoccaggio.

Non corre l’obbligo di tenuta dei registri di c/s per le imprese o gli Enti che producono rifiuti speciali non pericolosi provenienti da attività di demolizione, costruzione e di scavo.

Soffermiamoci, infine, sulla destinazione del rifiuto.

Riutilizzo: qualsiasi operazione attraverso la quale prodotti o componenti che non sono rifiuti sono reimpiegati per la stessa finalità per la quale erano stati concepiti. Essi non subiscono, dunque, alcun intervento preventivo di trattamento.

Recupero: qualsiasi operazione in cui il principale risultato sia di permettere ai rifiuti di svolgere un ruolo utile. L’Allegato C alla parte quarta del D.Lgs. 152/06  s.m.i contiene un elenco non esaustivo delle operazioni di recupero.

Le possibili attività di recupero per i rifiuti ceramici e inerti, ad esempio, sono:

  • messa in riserva di rifiuti inerti [R13] per la produzione di Materie Prime Secondarie (MPS) per l’edilizia, mediante fasi meccaniche di macinazione, vagliatura, selezione granulometrica e separazione della frazione metallica e delle frazioni indesiderate per l’ottenimento di frazioni inerti di natura lapidea a granulometria idonea e selezionata, con eluato del test di cessione conforme a quanto previsto in allegato 3 al DM 05/02/1998 [R5];
  • utilizzo per recuperi ambientali [R10];
  • realizzazione di rilevati e sottofondi stradali e ferroviari e aeroportuali, piazzali industriali [R5].

Smaltimento: ogni operazione finalizzata a sottrarre definitivamente una sostanza, un materiale o un oggetto dal circuito economico e/o di raccolta e, in particolare, le operazioni previste nell’Allegato B alla parte quarta del D. Lgs. 152/06 e s.m.i.

Quali sono i documenti da allegare alla richiesta di rilascio del titolo abilitativo?

Le istanze per il rilascio dei titoli abilitativi devono essere accompagnate dalla stima certificata dal progettista delle quantità dei rifiuti prodotti. Si tratta di una stima previsionale dei rifiuti che saranno generati dall’intervento edilizio.

Il seguente prospetto indica i riferimenti normativi delle Regioni che hanno disciplinato tale materia; in alcuni casi è stata anche definita un’apposita modulistica.

Regione Riferimento normativo
Abruzzo L.R. 45/2007
Calabria Ordinanza del Commissario Emergenza Rifiuti Calabria n. 1495 del 03/07/2001
Campania L.R. 20/2013
Marche L.R. 71/1997
Puglia Regolamento Regionale 6/2006
Valle d’Aosta L.R. 31/2007

Anche se per alcune Regioni non esiste una legge specifica, le amministrazioni comunali richiedono comunque che sia presentato tale allegato.

La stima certificata deve contenere:

  • i rifiuti classificati con il codice CER;
  • la quantità dei rifiuti;
  • la categoria di destinazione (smaltimento; recupero; riutilizzo);
  • il luogo di conferimento.

Per quanto concerne la quantità, alcune regioni, come la Valle d’Aosta, stabiliscono che la stima debba essere effettuata con i volumi; altre, invece, accettano la stima solo in peso.

La stima deve essere accompagnata da una dichiarazione congiunta del titolare dell’intervento e del progettista che dichiarano che la gestione dei rifiuti speciali prodotti dall’attività di costruzione, demolizione e scavo avverrà nel rispetto del D. Lgs. 152/2006 s.m.i. e della legge regionale.

In Campania, inoltre, è obbligatorio allegare il contratto di appalto per la raccolta, il trasporto, il recupero e/o lo smaltimento dei rifiuti prodotti dal cantiere. Il contratto è stipulato tra il titolare dell’intervento e l’impresa che dichiara di possedere i requisiti di legge e di essere iscritta all’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali. Se l’impresa non è in possesso dei requisiti, delega tale attività a un soggetto terzo indicandone le generalità e l’iscrizione al suddetto Albo.

Il Direttore dei lavori deve presentare, con la chiusura dei lavori, la copia del formulario che attesta che le quantità stimate sono state legalmente smaltite.

Quale supporto offre Blumatica?

Attraverso il modulo Rifiuti Edili, integrato in Blumatica Pratiche Edilizie, il progettista può:

  • stimare la quantità dei rifiuti avendo a disposizione anche un archivio con il peso specifico dei materiali;
  • compilare la dichiarazione dei rifiuti speciali utilizzando il modello stabilito dalla regione o il modello Blumatica;
  • elaborare il contratto di appalto per la raccolta, il trasporto, il recupero e/o lo smaltimento dei rifiuti.;

Grazie a una procedura guidata, il software fornisce, in base al tipo di intervento (demolizione di fabbricato; manutenzione straordinaria di unità immobiliare; ecc.), le categorie di rifiuto più comuni con il relativo codice CER.

 

Scopri maggiori informazioni su Blumatica Pratiche Edilizie





Vuoi essere aggiornato su questo argomento e su tutte le novità in materia di edilizia e sicurezza?
Iscriviti GRATIS alla Newsletter

Maria Pia Sarno

Maria Pia Sarno

R&S Area Progettazione


Un commento

  • Avatar
    claudio

    6 Aprile 2019 at 9:39 am

    utilissimo e chiare le spiegazioni e l’approfondimento

    Commenta

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *