Superbonus 110% in real time per la scadenza del 30 settembre per gli edifici unifamiliari

30-2-1280x667.jpg
Blumatica riprende gli incontri direttamente sul territorio, per condividere esperienze e informazioni con clienti e cultori della materia.

Blumatica riprende gli incontri direttamente sul territorio, per condividere esperienze e informazioni con clienti e cultori della materia.

Scadenza del 30 settembre per gli edifici singoli

È recente l’evento Blumatica che ha coinciso con la scadenza del termine per la dimostrazione del raggiungimento del 30% dei lavori (SAL, articolo 8-bis dell’art. 119 del D.L. 34/2020 e s.m.i.) per gli edifici unifamiliari (villette, case singole, edifici unifamiliari, unità funzionalmente indipendenti e con accesso autonomo dall’esterno, ecc.). In tale occasione si è mostrato molto fermento e tanta fibrillazione tra i partecipanti in cerca di confortanti rassicurazioni e soprattutto di indicazioni operative per sapere come rispondere a questo ulteriore adempimento.

 

La risposta Blumatica

Pronta è stata la risposta di tecnici, formatori e consulenti Blumatica che hanno fornito le dovute risposte e mostrato le applicazioni con le indicazioni pratiche da seguire per risolvere brillantemente le problematiche del caso:

  • La suite Energy, per i calcoli termici, le verifiche di legge, l’elaborazione dei documenti e degli attestati previsti nonché l’istruzione delle pratiche di benefici fiscali;
  • La Suite Pitagora, con le estensioni per la contabilità dei benefici fiscali e la potente gestione di subappalti e congruità delle spese;
  • Blumatica Corrispettivi, con la nuova ed eccezionale applicazione web per il calcolo di ogni tipo di parcella professionale.

 

I compartecipanti

Numerosi e autorevoli sono stati gli interventi dei rappresentanti delle organizzazioni di categoria che hanno partecipato e contribuito alla riuscita di questa importante e utile manifestazione.

Ringraziamo

I rappresentanti dell’Ordine dei commercialisti di Oristano, che hanno spiegato i delicati aspetti della normativa antifrode e antiriciclaggio prevista nella gestione delle partiche di benefici fiscali;

I rappresentanti locali dei vari Collegi e Ordini professionali della Provincia di Oristano, che hanno chiarito diversi aspetti operativi rapportati a riferimenti locali nell’applicazione delle diverse norme nazionali;

I rappresentanti Nazionali del Consiglio e della Cassa Geometri, che hanno fornito indicazioni operative riguardo due aspetti molto interessanti.

Il primo aspetto, nasce dalla mancata indicazione da parte del legislatore riguardo la dimostrazione dell’esecuzione di almeno il 30% dei lavori alla data del 30 settembre 2022 che il tecnico deve effettuare. Si sono riportate, quindi, le indicazioni che la Commissione consultiva per il monitoraggio del Consiglio Superiore del Lavori Pubblici, su indicazione della Rete Professioni Tecniche, ha fornito:

Il direttore dei lavori redigerà un’apposita dichiarazione basata su idonea documentazione probatoria (a titolo di esempio):

  • libretto delle Misure;
  • Stato d’Avanzamento Lavori;
  • rilievo fotografico della consistenza dei lavori;
  • copia di bolle e/o fatture, ecc.

da tenere a disposizione di un’eventuale richiesta degli organi di controllo e che dovrà essere allegata alla documentazione finale.  La stessa Commissione raccomanda la redazione di tale dichiarazione non appena acquisita la documentazione ed effettuate le verifiche necessarie. Allo scopo di garantire la previsione normativa è opportuno che la dichiarazione medesima, con i relativi allegati, venga trasmessa tempestivamente via PEC o raccomandata al committente e all’impresa.”

È stato anche chiarito che l’art.14 del DL 50/2022 (Decreto Aiuti) ha stabilito che la possibilità di fruire (per gli edifici unifamiliari e unità funzionalmente indipendenti e con accesso autonomo dall’esterno) del Superbonus 110% relativo alle spese sostenute entro il 31 dicembre 2022, è subordinata alla condizione che, alla data del 30 settembre 2022:

siano stati effettuati lavori per almeno il 30% dell’intervento complessivo, nel cui computo possono essere compresi anche i lavori non agevolati ai sensi del presente articolo(comma 8-bis, art. 119 del D.L. 34/2020).”

È importante sottolineare che i costi dell’intervento complessivo su cui calcolare il trenta per cento, sono quelli del computo metrico e non quelli del “quadro economico” che è comprensivo, com’è noto, anche delle spese tecniche, dell’eventuale cassa e dell’IVA nonché degli ulteriori costi amministrativi.

Il secondo aspetto, invece, nasce dalla grave difficoltà che molti tecnici stanno riscontrando nella fase di cessione dei crediti maturati. In sostanza, la Cassa Nazionale Geometri, rappresentata all’evento da un suo autorevole consigliere, ha fornito indicazioni e informazioni su di un’importante operazione finanziaria che l’Ente ha messo in atto per agevolare la fase di cessione dei crediti maturati dai propri iscritti che possono prenotare questo servizio nell’area riservata del sito istituzionale.

Data la natura davvero importante di questa iniziativa finanziaria, esorto i potenziali interessati ad approfondire questo aspetto attraverso i canali ufficiali.

 

L’impegno continua …

Vi aspettiamo ai prossimi appuntamenti fieristici che potete consultare qui

Sergio Schettini