Superbonus 110%: tutte le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2022

bilanzio22-1-1280x667.jpg
Proroga al 2025 del Superbonus, al 2024 per l’Ecobonus e Sismabonus fino al 2024, sconto in fattura e cessione del credito per tutte le detrazioni.

Legge di Bilancio 2022: proroga al 2025 del Superbonus, al 2024 per l’Ecobonus e Sismabonus fino al 2024, sconto in fattura e cessione del credito per tutte le detrazioni.

Scopriamo insieme le tante novità introdotte dalla Legge 30 dicembre 2021, n° 234 (cd. Legge di Bilancio 2022), pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 310 del 31 dicembre 2021.

Link pdf: Testo coordinato DL Rilancio Legge Bilancio 2022


Superbonus 110: le nuove scadenze

Uno degli aspetti più importanti riguarda le proroghe per il Superbonus 110%.

 

Edifici Unifamiliari

Con una prima bozza circolata in rete della Legge di Bilancio, era prevista una scadenza al 30 giugno 2022, estendibile al 31 dicembre 2022 in caso di presentazione di CILAS entro il 30/09/2021 oppure con un ISEE inferiore a 25.000 €.

Per la gioia di tanti professionisti, e soprattutto dei committenti, questi due vincoli (CILAS ed ISEE) sono scomparsi dal testo ufficiale della legge.

Pertanto, è possibile ottenere l’agevolazione per le spese sostenute fino al 31/12/2022 a patto che al 30 giugno 2022 siano completati i lavori per il 30% del valore complessivo.

 

Condomini ed edifici composti da 2 a 4 unità con unico proprietario.

proroga superbonus

La detrazione spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2025, nella misura del:

  • 110% per quelle sostenute entro il 31 dicembre 2023;
  • 70% per quelle sostenute nell’anno 2024;
  • 65% per quelle sostenute nell’anno 2025.

IACP e cooperative di abitazione

Possono godere della proroga fino al 31/12/2023 se al 30/06/2023 siano stati effettuati lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo.

 

Associazioni sportive

Nessuna novità per tale categoria, la quale detrarre al 110% le spese sostenute fino al 31/12/2022 solo se al 30/06/2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo.

 

Un’eccezione riguarda invece i comuni dei territori colpiti da eventi sismici verificatisi a far data dal 1° aprile 2009 dove sia stato dichiarato lo stato di emergenza: in tali casi l’aliquota di detrazione resta nella misura del 110 per cento fino al 2025. Inoltre, è previsto lo stesso vantaggio fiscale definito dai commi 1-ter, 4-ter e 4-quater: ovvero, il massimale di spesa è incrementato del 50%.

Interventi trainati e fotovoltaico

colonnine ricarica auto

Uno degli aspetti che maggiormente ha tenuto tutti con il fiato sospeso riguardava le scadenze degli interventi trainati e del fotovoltaico, che in una prima bozza del decreto erano fissate per giugno 2022.

Nel testo pubblicato della Legge di Bilancio 2022 si è definitivamente fatto chiarezza: gli interventi trainati di efficientamento energetico, di installazione di impianti fotovoltaici e colonnine di ricarica seguono l’orizzonte temporale degli interventi trainanti del Superbonus.

 

Proroga sconto in fattura e cessione del credito

Altro aspetto positivo della Legge di Bilancio 2022 è l’estensione dei meccanismi di cessione del credito e dello sconto in fattura:

  • Fino al 2025 per il Superbonus;
  • Fino al 2024 per tutte le altre tipologie di detrazioni (es. Ecobonus, Sismabonus, Bonus Facciate, Bonus casa).

Importante chiarimento riguarda anche le asseverazioni della congruità delle spese sostenute redatto dai tecnici abilitati.

 

Con l’introduzione del comma 1-ter all’art. 121 del D.L. 34/2020, viene chiarito che tale obbligo non si applica alle opere già classificate come attività di edilizia libera ai sensi dell’articolo 6 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, del decreto

del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 2 marzo 2018, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 81 del 7 aprile 2018, o della normativa regionale, e agli interventi di importo complessivo non superiore a 10.000 euro, eseguiti sulle singole unità immobiliari o sulle parti comuni dell’edificio, fatta eccezione per gli interventi di cui all’articolo 1, comma 219, della legge 27 dicembre 2019, n. 160.

Altre detrazioni

Buone notizie anche per le altre detrazioni fiscali per le quali la Legge di Bilancio 2022 ha previsto un’ulteriore proroga:

Intervento Rif. normativo Scadenza
Ecobonus Art. 14 del D. L. 63/2013 31/12/2024
Sismabonus Art. 16 del D. L. 63/2013 31/12/2024
Bonus Ristrutturazioni Art. 16 del D. L. 63/2013 31/12/2024
Bonus Facciate Art. 1, commi 219-224, L. 160/2019 31/12/2023 (con aliquota al 60%)
Bonus Mobili Art. 16 del D. L. 63/2013 31/12/2022 (limite 10.000 €)

31/12/2024 (limite 5.000 €)

Bonus Verde Art. 1, comma 12, L. 205/2017 31/12/2024

Barriere architettoniche 75%

La Legge di Bilancio, con l’introduzione del nuovo art. 119-ter al D.L. 34/2020, innalza l’aliquota di detrazione dal 50% (prevista dal Bonus Ristrutturazioni) al 75% per gli interventi volti all’eliminazione delle barriere architettoniche.

Tale detrazione, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo, è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a:

  • euro 50.000 per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno;
  • euro 40.000 moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da 2 a 8 unità immobiliari;
  • euro 30.000 moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da più di 8 unità immobiliari.

Ovviamente se l’intervento di eliminazione delle barriere architettoniche è contestuale all’intervento di Superbonus, è sempre possibile applicare l’aliquota di detrazione maggiorata al 110%.

 

Testo coordinato DL Rilancio Legge Bilancio 2022

Ecco il Testo coordinato DL Rilancio Legge Bilancio 2022.

Consulta il file Blumatica con tutte le semplificazioni relative al dettaglio del decreto e ad ogni singolo provvedimento

  • Legge 77/2021 (Decreto semplificazioni 2021 e legge di conversione del D.L. Rilancio)
  • D.L. 59/2021
  • Legge di Bilancio 2021 (L. 178/2020)
  • Legge di Bilancio 2022 (L. 234/2021)

Link pdf: Testo coordinato DL Rilancio Legge Bilancio 2022

Luca Cocozza

R&S Area Energia


  • Andrea Di Benedetto

    23 Gennaio 2022 at 10:17

    https://www.lavoripubblici.it/news/superbonus-110-altri-bonus-edilizi-stretta-cessione-credito-27599

    A seguito di queste modifiche viene riscritto chirurgicamente l’art. 121, comma 1 del Decreto Rilancio che diventerà il seguente.

    1. I soggetti che sostengono, negli anni 2020, 2021, 2022, 2023 e 2024, spese per gli interventi elencati al comma 2 possono optare, in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione spettante, alternativamente:
    a) per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, fino a un importo massimo pari al corrispettivo stesso, anticipato dai fornitori che hanno effettuato gli interventi e da questi ultimi recuperato sotto forma di credito d’imposta, di importo pari alla detrazione spettante, (con facoltà di successiva cessione del credito) “cedibile dai medesimi” ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari senza facoltà di successiva cessione;
    b) per la cessione di un credito d’imposta di pari ammontare, (con facoltà di successiva cessione ad altri soggetti), compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari “senza facoltà di successiva cessione”.

    Mi sembra che dobbiate cambiare il testo coordinato, ma soprattutto credo che adesso con queste novità, il decreto rilancio sia finito.

    cordiali saluti

    Commenta

    • Ufficio Blumatica

      25 Gennaio 2022 at 15:03

      Salve

      La ringraziamo per la segnalazione e le confermiamo che stiamo seguendo da vicino l’iter di questo ulteriore decreto che al momento è circolato solo in bozza.

      Quando sarà pubblicato in gazzetta ufficiale provvederemo sicuramente ad aggiornare il testo coordinato.

      Restiamo a disposizione per qualsiasi evenienza.
      Cordiali saluti.

      Commenta

  • STEFANO

    7 Febbraio 2022 at 09:55

    Sismabonus 110 su pertinenze scadenza?
    Buongiorno sono nella seguente situazione, credo comune a tante persone,:
    L’immobile è costituito da due lotti:
    edificio A unità residenziale accatastato A/3; fondi uso garage e cantina;
    edificio B formato da unità accatastata C/2 deposito. (corpo singolo e staccato)
    Intendo procedere alla demolizione e ricostruzione dell’edificio B il C2 deposito con cambio d”uso in abitativo. Eseguendo l’intervento di miglioramento sismico si può usufruire del sismabonus 110 e qual’è la scadenza?
    grazie

    Commenta

    • Ufficio Blumatica

      9 Febbraio 2022 at 09:52

      Salve,

      come precisato dall’Agenzia delle Entrate:

      “sono ammessi al Superbonus anche le spese sostenute per interventi realizzati su immobili che solo al termine degli stessi saranno destinati ad abitazione, a condizione che nel provvedimento amministrativo che autorizza i lavori risulti chiaramente il cambio di destinazione d’uso del fabbricato (ad esempio, da strumentale agricolo, in abitativo).”

      In tal caso, trattandosi di un unifamiliare la scadenza è il 31 dicembre 2022, se entro il 30 giugno si è raggiunto almeno il 30% dei lavori.

      Restiamo a disposizione per qualsiasi evenienza.
      Cordiali saluti.

      Commenta

  • Daina

    13 Febbraio 2022 at 21:39

    Buonasera un condominio con 2 piani con appartamenti e al piano terra un opificio ha diritto del superbonus110% ?
    Il proprietario del opificio categoria D1 partecipa alla spesa in base alla tabella millesimale come gli altri proprietari.
    Cordiali saluti Daina

    Commenta

    • Ufficio Blumatica

      15 Febbraio 2022 at 11:00

      Salve,

      il condominio può usufruire del superbonus per tutti i lavori sulle parti comuni, quindi per gli interventi trainanti.
      Poi tutte le unità residenziali possono usufruire della detrazione anche per gli interventi trainati sulle singole unità immobiliari.

      Restiamo a disposizione per qualsiasi evenienza.
      Cordiali saluti.

      Commenta

  • roberto

    21 Febbraio 2022 at 11:42

    buongiorno, vorrei sapere se con le ultime modifiche è possibile usufruire del bonus 110% per il rifacimento del tetto con la coibentazione dello stesso, anche se le facciate esterne dell’appartamento sottostante non sono coibentate, in quanto sono in pietra per tutto lo stabile. Grazie

    Commenta

    • Ufficio Blumatica

      22 Febbraio 2022 at 09:13

      Salve,
      se il tetto è un componente di copertura di un locale riscaldato, allora l’intervento di coibentazione può essere sempre effettuato (o come trainante se si incide su più del 25% della superficie disperdente, o come trainato).
      Nel caso in cui il tetto sia di copertura di un locale non climatizzato, allora l’intervento può beneficiare della detrazione solo nel caso in cui si sia previsto un ulteriore intervento trainante di coibentazione (ovvero si stia coibentando più del 25% delle superfici disperdenti dell’edificio, percentuale calcolata escludendo ovviamente il tetto).
      Restiamo a disposizione per qualsiasi evenienza.

      Cordiali saluti

      Commenta

  • Enrico

    28 Febbraio 2022 at 23:59

    Buongiorno,

    sono necessarie asservazione e visto di conformità per detrazioni ECOBONUS e bonus ristrutturazione in dichiarazione dei redditi senza sconto in fattura e cessione del credito? (ECOBONUS rimane sempre valida visto confirmità prezzi). Grazie

    Commenta

    • Ufficio Blumatica

      8 Marzo 2022 at 17:00

      Salve,

      il visto di conformità risulta sempre necessario nel caso di Superbonus (anche nel caso di detrazione diretta).

      Nel caso, invece, di cessione del credito o sconto in fattura, ad eccezione di interventi di edilizia libera o con importi inferiori a 10.000 €, è sempre necessario il visto di conformità.

      Restiamo a disposizione per qualsiasi evenienza.

      Cordiali saluti.

      Commenta

  • Ale

    4 Marzo 2022 at 12:47

    Buongiorno,

    Vorrei capire di più su i criteri catastali necessari per accedere al superbonus. se ci sono deformazioni dal progetto iniziale registrato in comune, si devono rifare tutti i catasti di ogni appartamento, oppure basta rifare il catasto generale del condominio su le superficie esterne soggette ai lavori di ristrutturazione per aumento classe energetica?

    Grazie

    Commenta

    • Ufficio Blumatica

      8 Marzo 2022 at 17:02

      Salve,

      seppur è stato eliminato l’obbligo della doppia conformità sull’edificio, è sempre consigliabile sistemare tutta la documentazione in occasione di un intervento per il quale si usufruisce delle detrazioni fiscali.

      Restiamo a disposizione per qualsiasi evenienza.
      Cordiali saluti.

      Commenta

  • Fabio

    15 Marzo 2022 at 16:13

    Edificio costituito da 4 U.I. due A/3, un A/10 e un c/2 di proprietà indivisa di due sorelle. Interventi a farsi Sima+ eco. quali sono i massimali?

    Commenta

    • Ufficio Blumatica

      16 Marzo 2022 at 09:40

      Salve,

      la seguente tipologia di edifici può essere trattata a tutti gli effetti come condominio. Pertanto, per le parti comuni (es. cappotto o eventuale impianto centralizzato) valgono i massimali dei condomini, calcolati in funzione del numero di tutte le unità immobiliari (es. cappotto 40.000*4, impianto centralizzato 20.000*4).

      A questi poi si aggiungono i massimali degli interventi trainati, che possono essere eseguiti solo sulle unità residenziali riscaldate (es. infissi 54.545,45; impianti 27.272,73; schermature 54.545,45; ecc.).

      Restiamo a disposizione per qualsiasi evenienza.
      Cordiali saluti.

      Commenta

  • william

    21 Aprile 2022 at 15:12

    salve sono un tecnico , a seguito di aumento di tassi sulle polizze asseverazione del 110 .
    possono essere portati come costo sul computo metrico ?
    se si qual’è il decreto ?
    cordiali saluti

    Commenta

    • Ufficio Blumatica

      6 Maggio 2022 at 14:37

      Salve,

      non ci risulta possano essere portate in detrazione le polizze per Asseverazione Superbonus 110%, e di conseguenza non vanno riportate nel computo metrico.

      L’unica polizza, relativa all’art. 119 del DL 34/2020 comma 4, si riferisce alla polizza per il rischio di eventi calamitosi.

      Saluti.

      Commenta

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *