Superbonus, successioni, sicurezza, topografia e catasto: gli esperti rispondono alle domande più frequenti

webinarfaq-1280x667.jpg
La X Edizione di Blumatica Porte Aperte, con oltre 30.000 partecipanti, è stata un grande successo!

La X Edizione di Blumatica Porte Aperte, con oltre 30.000 partecipanti, è stata un grande successo!

4 giorni, 32 ore, 9 appuntamenti: sono questi alcuni dei numeri della decima edizione di Blumatica Porte Aperte in patrocinio con la Fondazione Inarcassa e Inarsind Nazionale e in collaborazione con 40 Ordini professionali di diverse categorie (architetti, geometri, ingegneri, periti agrari e periti industriali) e province d’Italia (Avellino, Benevento, Cagliari, Caltanissetta, Caserta, Catania, Catanzaro, Cremona, Lecce, Macerata, Messina, Napoli, Oristano, Salerno, Sassari, Siracusa, Teramo, Trapani, Ragusa, Roma).

Una manifestazione che ha permesso ai professionisti di tutta Italia di confrontarsi con esponenti istituzionali come l’ing. Domenico Prisinzano di Enea, l’ing. Michele Lapenna del Consiglio Nazionale Ingegneri, l’ing. Costantino Mastino dell’Università di Cagliari, il geom. Carlo Cinelli del Collegio di Pistoia, il geom. Giuseppe La Rosa del Collegio di Catania e il dott. Lucio Paraggio proveniente dal mondo dei revisori contabili e commercialisti e con i tecnici Blumatica (Giulio Botta, Luca Cocozza, Antonino Salvatore Cutrì, Francesca De Santis, Sergio Schettini) impegnati a scambiare le “best practice”, a dare supporto e a chiarire passaggi che, attraverso l’utilizzo dei software Blumatica, “rendono semplici le cose complesse”.

La manifestazione si è svolta nel rispetto delle linee guida che regolamentano la formazione professionale continua delle diverse categorie professionali in modo da riconoscere i Crediti Formativi Professionali attraverso il Provider di Blumatica – Accademia della Tecnica e gli Ordini professionali.

Migliaia di richieste per visionare i webinar registrati e presenti sul Canale YouTube Blumatica!

Tra i webinar, quello che rispondeva alle domande poste dagli utenti sul Superbonus e le relative problematiche ha riscosso particolare successo!

Cerca, tra le seguenti, le domande che ti sei posto anche tu, e guarda il webinar sul Canale YouTube Blumatica per sapere la risposta!

 

EFFICIENZA ENERGETICA

  1. Condominio per meno del 50% residenziale. L’isolamento a cappotto è ammesso per tutte le “parti comuni”, ovvero anche quelle che racchiudono le unità non residenziali riscaldate, o solo per le U.I. residenziali?
  2. A seguito degli interventi (trainanti + trainati) del Superbonus 110%, è necessario aggiornare i calcoli previsti dalla UNI 10200 in merito ai millesimi di riscaldamento e ripartizione delle spese?
  3. Nel caso di ristrutturazione di 1° livello devo rispettare le verifiche FER del D. Lgs. 28/2011?
  4. Nel caso di ampliamento o sopra-elevazione di un volume lordo climatizzato superiore al 15% di quello esistente, ma legato all’edificio esistente e non scorporabile né come impianti né come involucro (ad esempio una mansarda), i requisiti da rispettare riguardano l’intera unità immobiliare (parte esistente + parte ampliata) o solo la parte ampliata?
  5. Nel caso di ampliamento o sopra-elevazione di un volume lordo climatizzato inferiore al 15% di quello esistente e inferiore a 500 m³, sono previsti requisiti?
  6. In caso di un ampliamento >15%, quindi assimilato a nuova costruzione, il decreto specifica che la verifica del rispetto dei requisiti deve essere condotta solo sulla nuova porzione di edificio. Nel caso in cui, però, si decida di intervenire facendo un ampliamento e contemporaneamente un intervento sull’involucro della parte esistente dell’edificio (ristrutturazione importante di secondo livello), quali verifiche devono essere condotte?
  7. Occorre mantenere distinte le due verifiche (e quindi le relative relazioni), sulla parte ampliata e sulla parte esistente dell’edificio, o un tipo di verifica ingloba anche l’altra parte e quindi viene fatta una verifica complessiva (unica relazione) con le verifiche più restrittive?
  8. Nel caso di demolizione e ricostruzione con ampliamento, quali sono le spese ammesse? Come deve essere redatto l’APE post operam?

DVR

  1. Spesso le imprese edili non hanno i documenti aggiornati, è necessario richiederne l’aggiornamento?
  2. Quanti sono i rischi specifici a cui gli operai di un’impresa possono essere esposti?
  3. Per aggiornare un DVR attraverso il software occorre rifare il lavoro?
  4. Nel DVR è necessario indicare marca e modello delle attrezzature?
  5. Il software gestisce anche la parte legata alla formazione di specifici ruoli/mansioni?

SUCCESSIONI E VOLTURE

  1. Il proprietario del piano attico in un fabbricato con impianti di riscaldamento e raffrescamento autonomi può essere escluso dalla partecipazione al Superecobonus 110%?
  2. Il Superbonus in condominio: se non tutti i condomini sono d’accordo a sostituire gli infissi è ammesso ai favorevoli procedere nei loro immobili contravvenendo al principio del rispetto della armonia estetica delle facciate?
  3. In un condominio è possibile sostituire il portone d’ingresso e gli infissi del vano scala, anche se non riscaldato, così come la coibentazione delle pareti esterne dello stesso per evitare un cattivo aspetto esterno; sono ammessi a detrazione?
  4. Sono proprietario di un appartamento termoautonomo in un condominio che risulta seconda casa. Devo effettuare in maniera autonoma (senza alcun coinvolgimento del condominio) lavori di ristrutturazione quali la sostituzione dell’impianto di climatizzazione invernale con una caldaia a condensazione, la sostituzione dei serramenti, il rifacimento del bagno, dell’impianto elettrico e dei pavimenti. Posso usufruire dell’Ecobonus 110%?
  5. Un ufficio in condominio può accedere all’Ecobonus nel caso di lavori di coibentazione condominiale? Se sì, la detrazione totale può essere richiesta dalla sola persona fisica (comproprietaria di una quota dell’immobile insieme ad una società)?

TOPOGRAFIA E CATASTO

  1. Un rilievo generalmente si appoggia ad un triangolo fiduciale l’oggetto di rilievo vi deve cadere all’interno, o nelle tolleranze, ammissibili ai fini del rilievo di dettaglio e di inquadramento. Se, però manca un fiduciale per formare il triangolo fiduciale che fare?
  2. Devo costruirmi un punto fiduciale o, posso fare affidamento, anche, ad un punto isola?
  3. Geomatrix può lavorare anche con rilievi eseguiti con il GPS?
  4. Come si fa ad inserire un punto avendo la distanza da altri due?
  5. È possibile ricostruire il piano quotato da un’immagine di Google?
  6. Come avviene la sovrapposizione della cartografia catastale con quella di Google Earth visto che la cartografia catastale è piana e quella di Google ha come superficie di riferimento WGS84.

COMPUTI METRICI E CONTABIITA’ BONUS FISCALI

  1. Nel computo da caricare nel portale Enea vanno inserite le sole spese che rientrano entro il tetto massimo ammissibile per quella lavorazione (ad esempio 50000 euro per il cappotto) mentre le eventuali maggiori spese in accollo all’utente devono seguire una contabilità parallela, oppure si consegna il computo totale ed è implicito il fatto che l’importo in più non viene riconosciuto?
  2. Se devo predisporre un’analisi prezzi per una fornitura di serramenti in quanto nel prezziario regionale oppure in quello DEI non trovo la voce corrispondente alle caratteristiche del serramento per determinare il prezzo di mercato, è corretto adottare il valore medio di tre offerte per serramenti con analoghe prestazioni oppure in quale altro modo si procede?
  3. In caso di intervento multiplo, Sismabonus, Ecobonus (con cappotto, serramenti, impianti) in che modo va suddivisa la parcella professionale? Va a incidere sui massimali quindi vorrei sapere come suddividere l’intero importo?
  4. Il computo da allegare all’ENEA è relativo ai soli lavori Ecobonus o anche Sisma? E bisogna allegare il computo con i prezzi di contratto?
  5. Se il prezzo di contratto di una voce è superiore al limite indicato dal listino regionale, tale dato viene indicato? Dove? Il surplus di prezzo viene scorporato?
  6. In caso di bonus facciata 90% e cappotto 110% come ripartisco le spese del ponteggio e della sicurezza (recinzione, bagno ecc.) che è indispensabile a tutte e due i lavori?
  7. Il computo metrico che si allega al portale ENEA è quello con i prezzi già ribassati offerti dall’impresa?
  8. É possibile usare a piacimento, anche a convenienza economica, una voce del prezziario regionale o DEI?
  9. ​Il computo deve riportare tutte le voci relative alle varie lavorazioni da effettuarsi, comprese quelle che non rientrano nel Superbonus 110%?
  10. Se in un condominio vengono eseguiti interventi trainati solo su una unità immobiliare è possibile prevede importi di spese tecniche solo per quella unità immobiliare in modo che incidano sui massimali per le parti private o vengano ripartite sempre per tutti gli altri condomini?
  11. Come si inseriscono le spese tecniche nel computo?
  12. IL SAL 30% si riferisce anche al totale degli altri interventi eseguiti? Se ad esempio ho un unico intervento con Sismabonus ed Ecobonus posso richiedere SAL con 30 per entrambi?
  13. Nel caso di intervento sulle strutture e di efficientamento energetico l’asseverazione strutturale è presentata al comune mentre quella energetica all’Enea. In questo caso sarà necessario redigere due computi distinti uno per l’Enea ed uno per il comune, i SAL possono ritenersi distinti e quindi la cessione può essere una per le opere strutturali ed una per quelle energetiche?
  14. Per quanto concerne i prezzari regionali si deve utilizzare necessariamente l’ultimo o posso utilizzarne anche uno precedente?
  15. Il computo metrico deve essere realizzato a corpo o a misura?
  16. Si può fare un massimo ribasso per i prezzi?

Ecco il video del webinar con le risposte alle domande poste dagli utenti:

Maria Grazia Savoia


Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *